FILASTROCCA: Ragazzo Fortunato

FILASTROCCA: 

Oh Serafino che fai?

Scalzo e trasandato

te ne vai.

Sporco e senza meta, cammini o sosti nelle vie.

Una lacrima scende

tra le righe nere del tuo viso sai?

La gente ti canzona e non ti vede,

ma tu fiero incalzi il cappellino

e te ne vai.

Non elemosina vai chiedendo

ma un aiuto allo studio stai pretendendo.

Fortunato fu quel giorno che un magnate

hai incontrato e che a studiar ti ha mandato.

Una, due lauree hai conseguito e alla

ricerca ti sei dedicato.

 

Tanti bambini hai salvato grazie a qualcuno

che in te ha creduto e t’ha aiutato!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi